Maturità: al via da mercoledì 18 giugno

+ 21
+ 12


Come ogni anno, nella terza settimana di giugno si terranno gli esami di maturità Si comincia quindi il mercoledì della 3° settimana con la prima prova scritta, uguale per tutti, per continuare poi il giorno dopo con la seconda prova. Pausa il venerdì ed il week-end per ricominciare lunedì con il quiz della terza prova e si comincia poi con gli orali. E' scattato il conto alla rovescia per gli oltre 1 milione e 300 mila alunni dislocati in tutta Italia

PRIMA PROVA MATURITA’ 2014: MERCOLEDÌ 18 GIUGNO Il primo scritto consiste nello svolgimento di una traccia a scelta tra le quattro tipologie proposte dal Ministero: analisi e commento di un testo letterario, svolgimento di un saggio breve o di un articolo di giornale, svolgimento di un tema storico e svolgimento di un tema ti attualità. Come di consueto, anche quest’anno iniziano a trapelare le prime indiscrezioni in merito ai potenziali autori e possibile tema. Al momento, i più quotati all’esame maturità sembrerebbero Pirandello, Aristotele e Saba.

SECONDA PROVA MATURITA’ 2014: GIOVEDÌ 19 GIUGNO Il secondo scritto cambia a seconda dell’indirizzo scolastico, per questo le tracce sono differenziate e anche la durata della prova varia in base al tipo di scuola. Come ogni anno anche nel 2014 sono infatti state decise dal Miur le materie della seconda prova.

TERZA PROVA MATURITA’ 2014: LUNEDÌ 23 GIUGNO. Dopo una piccola pausa in cui potranno ripassare e riposarsi un po’ i maturandi dovranno confrontarsi con lo scritto più temuto: la terza prova, che è l’unica a non essere ministeriale e, quindi, materie coinvolte, tipologia di domande e durata dipendono solo ed esclusivamente dal consiglio di classe.

ESAME ORALE All’incirca una settimana dopo gli scritti, e quindi anche dopo la pubblicazione dei quadri con i punteggi delle tre prove, iniziano gli orali. Per decidere chi sarà il primo la commissione estrae una lettera da cui iniziare ad interrogare in ordine alfabetico. Il colloquio orale dura circa 40 minuti e vale ben 30 punti dei 100 totali. Si comincia con l’esposizione della tesina che non dovrebbe superare i dieci minuti e poi la commissione è libera di chiedere al candidato ciò che vuole, fermo restando che ogni componente può interrogare solo sulle materie per cui è abilitato. È possibile che anche la correzione degli scritti diventi oggetto dell’orale di Maturità.


dalla redazione de Il Piccolo

Segnala questo articolo su