Museo del violino, eccellenza e tradizione

+ 23
+ 17




Il museo dedicato al celebre strumento verrà inaugurato nella primavera del 2013, ma già a settembre ospiterà due manifestazioni.
Cremona e violini, un rapporto strettissimo. Nella città in cui le liuterie sono tra le principali attrazioni turistiche, finalmente è sorto anche un vero e proprio museo dedicato al violino. Sappiamo bene che, da Stradivari, ad Amati, a Guarneri del Gesù, tutti i più grandi liutai della storia siano cresciuti all’ombra del Torrazzo. Proprio negli ultimi anni, la valorizzazione di quest’arte ha compiuto grandi passi, con un percorso articolato di eventi, la realizzazione di consorzi e, soprattutto, la realizzazione del Museo del violino, che verrà inaugurato nella primavera del 2013, ma dove già si sta lavorando a pieno ritmo, tanto che la Fondazione Stradivari vi si è già trasferita con sede e uffici. Inoltre, presto la struttura ospiterà Liuteria in festival 2012, manifestazione che si svolgerà dal 20 settembre al 14 ottobre nell’Auditorium. «La rassegna sarà un’occasione insolita per conoscere Cremona attraverso la musica, la ricerca, gli studi e le sensibilità che quotidianamente affiancano, vivificandola, l’arte cittadina di costruire raffinati strumenti ad arco» spiega Virginia Villa, direttore della Fondazione Stradivari. Tra mostre, concerti, incontri, la manifestazione sviluppa ogni anno un percorso strutturato, dedicato alla liuteria sia antica che contemporanea. «La coabitazione di tanti caratteri, la vicinanza di grandi solisti e giovani promesse, si traduce in un risultato complessivo articolato in forma organica, dove il pubblico può seguire le tracce di un approfondimento che si fa continuo, e promuove rimandi, anche da un’edizione all’altra » spiega Villa. Punto focale della rassegna sarà il Concorso Triennale Internazionale degli Strumenti ad Arco “Antonio Stradivari”, giunto alla tredicesima edizione, scandito da un fitto calendario di iniziative che avranno come protagonisti grandi interpreti e gli strumenti contemporanei.

Grande spazio avranno i giovani e la formazione. «Si realizzerà così quell’incontro tra costruttori di oggi e musicisti di domani che è doppiamente significativo, poiché pone l’accento sul valore culturale della liuteria contemporanea e, nello stesso tempo, diventa punto d’incontro selezionato tra domanda ed offerta di strumenti di alta qualità » spiega la direttrice. Numerosi momenti vedranno protagonisti vari Conservatori italiani e poli d’eccellenza nella formazione, dal Politecnico di Milano alla scuola di Liuteria di Cremona. Infine, nell’ultimo week end di settembre, si svolgerà il Salone Commerciale Mondomusica, dove gli stand saranno affollati da acquirenti ed appassionati provenienti da ogni angolo del mondo. L’ingresso ai concerti e all’esposizione dei partecipanti al concorso è gratuito: Cremona rinnova un invito alla partecipazione ed alla condivisione culturale, disegnando un percorso tra botteghe e sale da concerto alla scoperta dei segreti della città e della sua tradizione. «Confermando una formula perfezionata in oltre trent’anni, qualità artigianale e resa acustica sono armonicamente ponderate, cosi mettere degnamente in risalto quanto di meglio nel mondo esprime la liuteria contemporanea » conclude Villa. Proprio a questo scopo è stata formata una giuria d’eccezione, coordinata da Paolo Salvelli, presidente della Fondazione Walter Stauffer, e composta dai musicisti Julius Berger, Ludwig Müller, Franco Petracchi, Vera Tsu, Akiko Yatani e dai liutai Gregg Alf, Peter Beare, Jean- Jacques Rampal, Luca Sbernini e Alessandro Voltini. Base logistica della manifestazione sarà il nuovo Padiglione delle Mostre

Temporanee del Museo del Violino, dove gli strumenti saranno esposti dal 28 settembre al 14 ottobre. Il Museo del violino si prepara quindi ad essere un grande contenitore per l’arte liutaria e musicale di Cremona: dal museo stradivariano alla collezione degli strumenti ad arco di Palazzo comunale, alle raccolte degli strumenti contemporanei della Fondazione Stradivari, oltre alle numerose mostre temporanee. L’ampio auditorium è stato costruito allo scopo di ospitare concerti ed eventi musicali di grande rilievo, come appunto la manifestazione Liuteria in festival. Tutto il percorso museale sarà caratterizzato dalla multimedialità e dall’interattività, e in particolare vi sarà la possibilità di approfondire la storia del violino, dalla sua nascita, ai più importanti maestri liutai. Non mancherà poi una vera e propria attività di laboratorio musicale, con apposite sale per le audizioni musicali, il Sound lab, il laboratorio per la manutenzione degli strumenti e tante altre cose.

di Laura Bosio

Segnala questo articolo su


Commenti (0)Add Comment

Scrivi commento
piccolo | grande

security code
Scrivi i caratteri mostrati


busy