Palazzo Grasselli, la vendita è possibile

+ 10
+ 7




Palazzo Grasselli, inserito tra le 15 voci che compongono la scheda dei beni che il Comune intenderebbe alienare, si potrebbe vendere senza tradire quanto espresso nel testamento da Ippolito Grasselli. Sarebbe quanto comunicato dal notaio Giovanni Corioni dopo il testo interpretativo del testamento sottoposto agli eredi di Giulio e Giancarlo Grasselli, finalizzato a verificare la portata delle clausole testamentarie ai fini della più corretta disposizione del bene. Nel testamento con il quale lasciava il palazzo al Comune di Cremona, pubblicato con verbale del 13 maggio 1961 n. 6379/2602 di repertorio notaio Luigi Valcarenghi, Ippolito Grasselli specificava: «Intendo però che l’immobile, cessato l’usufrutto, sia in perpetuo o per gli usi attuali con l’utilizzo di redditi per gli scopi istituzionali del legatario oppure a scopi di istruzione e che, in ambo i casi, non venga alterato il carattere monumentale dell’edificio».

Segnala questo articolo su


Commenti (1)Add Comment
0
Bravo Perri...
scritto da Giorgio Bagaglio, luglio 21, 2012
...comincia a vedere come regalare anche il Torrazzo agli amici degli amici.

Scrivi commento
piccolo | grande

security code
Scrivi i caratteri mostrati


busy