Biogas, workshop a Cremona. Gattoni: «strategico il ruolo delle matrici d'ingresso»

+ 18
+ 13




CREMONA «Il tema delle matrici in ingresso agli impianti di biogas (divise in prodotti, sottoprodotti, rifiuti) riveste un ruolo strategico per il settore, dal momento che l'utilizzo dei prodotti di scarto permetterebbe una riduzione delle matrici da colture dedicate utilizzabili negli impianti». Parola di Piero Gattoni, Presidente del Cib, il Consorzio Italiano Biogas, oggi a Cremona nell'ambito del workshop "Biogas tra presente e futuro"; al centro della discussione uno dei temi più delicati che riguardano la produzione di biogas e biometano: l'incremento dell'incentivo per l'uso dei sottoprodotti agricoli rispetto alle colture dedicate previsto dal decreto legge in attuazione del 3 marzo 2011, n. 28 e pubblicato proprio oggi in Gazzetta Ufficiale. «E' evidente - sottolinea Gattoni - che la previsione di un sistema premiante a bonus potrà creare un appesantimento burocratico per i produttori. Ci aspettiamo che le prossime norme applicative siano pubblicate velocemente. In particolare nel campo della definizione di sottoprodotto viviamo in un clima di costante incertezza normativa che è sempre in evoluzione. Per questo abbiamo presentato un testo di approfondimento sulle matrici in ingresso dei digestori anaerobici. Il testo redatto con il contributo di importanti risorse tecniche, operative e legali fornisce spunti di riflessione mirate ad uniformare, nelle diverse Regioni e Province, le prassi amministrative nonchè le indicazioni e le prescrizioni dettate in sede di autorizzazione e nella gestione degli impianti. E' altresì auspicabile che venga ribadita la valenza agronomica del digestato ed in particolare del ''digestato di qualità" che rappresenta una risorsa importante per l'agricoltura e per l'ambiente».

Segnala questo articolo su


Commenti (0)Add Comment

Scrivi commento
piccolo | grande

security code
Scrivi i caratteri mostrati


busy