MotoGp: per Rossi e la Ducati un altro anno di passione?

+ 15
+ 11




Nulla di buono all’orizzonte. Il mondiale della MotoGp è iniziato nello stesso modo in cui era terminato qualche mese fa: con la Ducati in affanno. All’esordio in Qatar, Valentino Rossi è arrivato a distanza siderale dai primi, a conferma di un binomio che non decolla. «Le speranze le ho finite lo scorso anno - ha detto Rossi a fine gara - adesso ci vorrebbe una moto che vada meglio. Non sono un ingegnere, io ho dato delle indicazioni per migliorare la moto: la cosa buona è che con questo nuovo telaio per lo meno non si cade, cosa che dal mio punto di vista è molto positiva. Non posso continuare a pensare che con il prossimo step di telaio la moto mi permetta di fare miracoli. Barberà, che mi ha passato senza tanti complimenti, mandandomi fuori dalla pista, e Abraham lottano per starmi davanti, ma quelle posizioni non sono quelle a cui ambisco io». Per la cronaca, la vittoria è andata a Jorge Lorenzo, che quest’anno si annuncia più che mai combattivo e voglioso di strappare il titolo a Casey Stoner, giunto terzo dietro a Pedrosa. Prossimo appuntamento il 29 aprile a Jerez in Spagna, dove Lorenzo e Pedro-sa voglioso essere profeti in patria.
CLASSIFICA MOTOGP: 1) Jorge Lorenzo (Yamaha) 25; 2) Dani Pedrosa (Honda) 20; 3) Casey Stoner (Honda) 16; 4) Cal Crutchlow (Yamaha) 13; 5) Andrea Dovizioso (Yamaha) 11; 6) Nicky Hayden (Ducati) 10; 7) Álvaro Bautista (Honda) 9; 8) Stefan Bradl (Honda) 8; 9) Bandiera della Spagna Héctor Barberá (Ducati) 7; 10) Valentino Ross (Ducati) 6.


Segnala questo articolo su


Commenti (0)Add Comment

Scrivi commento
piccolo | grande

security code
Scrivi i caratteri mostrati


busy